Piattaforma AI, quali le più adatte a diversi utilizzi

0
170

L’intelligenza artificiale può essere definita come lo strumento del futuro, non solo per chi voglia davvero integrare la tecnologia nella propria attività, ma anche per gli utenti che stanno apprezzando sempre di più le mille possibilità di utilizzo.

La scelta di una piattaforma AI da utilizzare può sembrare certamente ardua, ed è per questo che sarà necessario valutare alcuni aspetti essenziali grazie ai quali sarà possibile individuare lo strumento più adatto alle proprie necessità.

Piattaforme AI e cloud

Una delle prime scelte che bisognerà vagliare riguarda la possibilità di scegliere il sistema cloud per la propria piattaforma AI.

Il consiglio che si può dare in merito alla scelta di un sistema cloud riguarda la combinazione di diversi API per l’intelligenza artificiale.

Infatti, la migliore scelta, almeno da un punto di vista delle prestazioni, sarebbe quella di “mettere insieme” diversi AI API che provengano da differenti piattaforme cloud.

Infatti, i provider cloud spesso si concentrano su aspetti diversi per gli API delle proprie intelligenze artificiali e, l’approccio ibrido, è spesso quello migliore.

Piattaforme AI e privacy

Un altro aspetto che bisognerà considerare nel valutare una piattaforma AI riguarda il trattamento dei dati personali degli utenti che si troveranno ad utilizzare l’intelligenza artificiale.

Ad esempio, chi lavori in Europa dovrà rispettare le disposizione della GDPR che, sotto il profilo del trattamento dei dati personali, ha modificato moltissimo le regole.

Quindi, nel valutare l’allocazione dei propri server, e dei supporti per la memorizzazione dei dati, sarà essenziale valutare la componente territoriale.

Allo stesso tempo, bisognerà valutare la sicurezza della piattaforma che si sceglierà, per evitare quelle fughe di dati che, negli ultimi anni, hanno messo in serio pericolo la sussistenza di moltissime aziende informatiche.

Piattaforme di intelligenza artificiale e linguaggi

I linguaggi non sono tutti uguali in relazione ai sistemi di intelligenza artificiale, ed è per questo che anche l’aspetto relativo al linguaggio andrà attentamente valutato nel momento in cui si sceglierà la propria piattaforma.

In particolare, se il vostro business dovesse richiedere la comprensione del linguaggio naturale, sarà necessario controllare quale tipo di linguaggio supporterà la piattaforma che state per scegliere.

Ad esempio, i più grandi provider cloud offrono sistemi grazie ai quali sarà possibile garantire una comprensione anche per più gruppi di lingue, come l’inglese e lo spagnolo.

Piattaforme e costi per il ciclo di vita

Un altro elemento che non si può certo definire come trascurabile riguarda il costo della piattaforma AI per l’intero ciclo di vita di un’applicazione.

I costi possono variare molto, e ad esempio si possono trovare sottoscrizioni basate su:

  • Periodi di tempo (mese, anno e così via)
  • Singole transazioni
  • CPU e utilizzo della CPU

Il costo potrà variare molto anche sulla base dell’ambito territoriale nel quale si utilizzerà il servizio.

Per fare una scelta ragionata, che non comporti sorprese e consenta, quindi, di rimanere nelle proprie previsioni sarà consono fare un piano economico che comprenda davvero tutto il ciclo di vita della propria applicazione, ad esempio un periodo di cinque anni.