Come scegliere la migliore cyclette

0
57

Non soltanto palestra e jogging, anche in casa è possibile allenarsi con risultati soddisfacenti. Motivo per cui sempre più sportivi decidono di approfittare di questa possibilità e organizzare una piccola palestra tra le mura domestiche. Non sarà come l’allenamento nei centri di fitness, ma è comunque efficace e permette di conciliare l’allenamento con il tempo libero che è sempre più ristretto.

Tra gli strumenti più acquistati per allenarsi in casa c’è sicuramente la cyclette, adatta a qualsiasi età e a qualsiasi modalità di utilizzo, da quello professionale a quello di allenamento soft.

Non esiste un unico modello di cyclette, per scegliere quella più adatta alle nostre esigenze è necessario conoscere il nostro programma di allenamento e soprattutto quelli che sono i nostri obiettivi, soltanto così potremo essere certi dell’acquisto che abbiamo fatto.

Per obiettivi si intendono nel dettaglio quello di rinforzo leggero, recupero della forma o riabilitazione, quello di intensità e resistenza e per ultimo quello delle prestazioni di utilizzo. Avendo chiari questi punti non sarà difficile optare per lo strumento migliore per le nostre esigenze di allenamento.

Il consiglio, che molti conoscono già, è quello di optare anche per una dieta sana ed equilibrata insieme al giusto allenamento fisico.

Tipologie di cyclette

Non esiste un’unica tipologia di cyclette, questo lo abbiamo già detto. È importante, allora, capire quali sono le caratteristiche di ognuna per fare la scelta più giusta.

La prima e più conosciuta è la cyclette classica. È ideale per ritrovare la forma e la sensazione di benessere senza essere degli esperti sportivi. Abbinata a una dieta equilibrata, permette di bruciare i grassi, quindi di dimagrire. Ultimo vantaggio è quello di irrobustire i muscoli senza rischi di infortuni di vario genere.

Altra tipologia è quella della cyclette orizzontale. Si tratta di uno strumento più largo con uno schienale che permette di tenere la schiena dritta, per questo offre maggiore comfort rispetto a quella classica. Permette di migliorare la circolazione sanguigna grazie ai pedali frontali rispetto a chi la usa che garantiscono un miglior ritorno venoso alle gambe. Permette inoltre di tonificare e in molti casi anche un’ottima riabilitazione.

L’ultimo modello è quello della cyclette stazionaria indoor. Viene utilizzata soprattutto dai ciclisti professionisti e semiprofessionisti e permette di praticare esercizi intensi, rinforzare la parte bassa del corpo oltre che di aumentare il livello di sopportazione della fatica che per chi fa gare agonistiche è fondamentale.

Altri dettagli per la scelta

Oltre a quello che già è stato detto ci sono altri dettagli da tenere ben preseti prima della scelta di questo strumento.

– La frequenza di utilizzo. Per meglio dire è opportuno determinare l’utilizzo dell’apparecchio che può essere occasionale cioè 1 – 3 ore a settimana, regolare, cioè 3 – 7 ore a settimana, intenso da 7 a 20 ore a settimana o molto intenso, quindi più di 20 ore a settimana.

–  Il livello sportivo e gli obiettivi. Precisamente il livello si distingue in: debuttante, sportivo abituale, semi-professionista e professionista. Gli obiettivi invece possono essere: riabilitazione, perdita di peso, rimettersi in forma, sviluppo muscolare.